La provincia magmatica siciliana
Giugno 24, 2020
Il tempo geologico
Agosto 4, 2020
Show all

Libri geologia per le vacanze

Sei pronto per andare in vacanza e vorresti mettere in valigia qualche libro da leggere sotto l’ombrellone?

In questo articolo ti darò qualche consiglio elencandoti qualche testo geologico da leggere in spiaggia, in riva al lago o all’ombra di un bellissimo albero.

libri geologia vacanze

Viaggio al centro della Terra

Viaggio al centro della Terra è la mirabolante spedizione nelle viscere del mondo intrapresa dal professor Otto Lidenbrock, scienziato noto in tutta la Germania, dal nipote Axel e da Hans, la guida che li accompagnerà per l’intera durata dell’avventura. All’origine di tutto quanto, la scoperta da parte dello scienziato di una vecchia pergamena in cui, in linguaggio cifrato, venivano fornite precise indicazioni per raggiungere il centro della Terra attraverso l’entrata posta in un vulcano islandese. Le avventure che il gruppo vive per arrivare al cuore del pianeta sono straordinarie e non a caso al libro arriderà una tale fama da renderlo fin da subito uno dei più letti di Jules Verne. Da questo romanzo sono stati tratti innumerevoli film, serie televisive e videogame.

Frammenti di geologia

Com’è nata l’Italia

Davanti alla maestosità delle Alpi, ai suggestivi e irripetibili scorci della laguna veneta, della penisola sorrentina o delle coste di Sardegna, nessuno può negare che l’Italia sia un paese unico al mondo, la cui bellezza risiede soprattutto nella varietà dei paesaggi.

Ma da dove sono nate queste meraviglie? E quando? Com’era il nostro territorio prima di diventare il luogo spettacolare che ogni anno attrae milioni di persone? In “Com’è nata l’Italia“, Mario Tozzi racconta la storia più antica e nascosta dell’Italia, a partire da quando, oltre 200 milioni di anni fa, il Bel Paese nemmeno esisteva, o meglio, giaceva sommerso sotto le acque di un grande oceano conosciuto come Tetide.

Guida geologica dell’Aspromonte

Cosa si cela sotto i mari italiani. I grandi vulcani sommersi: pericoli e potenzialità

Sotto le accoglienti acque del nostro mar Tirreno, nella cornice di uno dei paesaggi più suggestivi del mondo, si nascondono grandi tumulti geologici, che hanno originato colossali strutture sommerse di cui ci siamo accorti solo in tempi recenti.

Il primato di vulcano attivo più grande d’Europa, per esempio, non appartiene all’Etna, bensì al misconosciuto Marsili che se ne sta appollaiato sulle piane abissali del Sud, a poche decine di chilometri dalle coste. La buona notizia è che nessuno di essi è in eruzione. Nondimeno, si stanno accumulando prove a favore di una consistente attività idrotermale, da cui il timore che possa innescare crolli di ampie porzioni degli edifici e, di conseguenza, tsunami.

Tale scenario è preoccupante per il nostro piccolo mare, dove le onde raggiungerebbero le coste in brevissimo tempo senza alcun preavviso, poiché non esiste ancora un sistema di preallarme.

Nel frattempo, il vorace fabbisogno energetico, unito alla necessità di attingere da fonti pulite, vede questi enormi vulcani come potenziali caldaie da sfruttare. Ma occorre valutare con attenzione il rischio nell’andar a stuzzicare “il can che dorme”, seppur con le dovute precauzioni.

Atlante geologico dei vini d’Italia

Di area in area – dal Barolo al Nerello, fra DOC e DOCG – uno alla volta, ciascun territorio è schedato e analizzato: origine, natura e formazione del suolo, profilo climatico, coltivazione agricola, vinificazione. Nell’introduzione, chiariti i concetti essenziali, scorriamo la carta geologica italiana con i 35 vitigni autoctoni e i 5 internazionali che sono l’anima dell’infinita varietà della nostra produzione. Infine, caratteristiche fondamentali del vino e degustazione di 4 bottiglie. Un’opera di consultazione, innovativa nell’impianto, pensata per tecnici, sommelier e cultori del vino che vogliono avvicinarsi ai grandi vini italiani in modo tecnico ma del tutto accessibile.

Storia geologica d’Italia

Il libro illustra la storia geologica dell’Italia nel Mesozoico, il periodo in cui si sono formate le montagne, le pianure e, più in generale, l’Italia come la conosciamo adesso. È diviso in quattro parti: 1. I concetti base della geologia 2. Una panoramica sulla geologia del Mediterraneo 3. La geologia regionale dell’Italia 4. Il rischio geologico.

Le montagne di San Francesco

L’Italia, oltre ad avere un patrimonio artistico di inestimabile valore, nasconde una meraviglia naturale invisibile all’occhio umano: nelle sue profondità custodisce i segreti dell’origine del mondo come oggi lo conosciamo. In particolare sulle montagne di san Francesco, a cavallo dell’Appennino, Walter Alvarez – geologo di fama mondiale – ha trovato la soluzione di alcuni dei misteri sepolti da migliaia di anni nel ventre della Terra.

Seguendo l’autore nel suo viaggio nell’Italia centrale, potremo così scoprire che i sette colli di Roma si formarono a seguito di una violenta eruzione vulcanica; che a Siena si trovano ancora le tracce dell’epoca in cui la città era sommersa dalle acque; e soprattutto, studiando le rocce nei dintorni di Gubbio, che 65 milioni di anni fa l’impatto di un meteorite con la superficie terrestre avrebbe causato l’estinzione dei dinosauri e di metà delle forme di vita allora esistenti. Un tremendo cataclisma che però aprì la strada allo sviluppo dei mammiferi e della specie umana.

Le montagne di san Francesco” ci offre quindi un’occasione unica non solo per conoscere la storia remota del pianeta, ma anche quella del nostro territorio nazionale. Prefazione di Mario Tozzi.

La straordinaria storia della vita sulla terra. Diario di un viaggio lungo quattro miliardi di anni

La nascita delle prime forme di vita organica, la comparsa degli animali complessi, la conquista della terraferma da parte delle creature marine, la stagione dei grandi dinosauri, l’apparizione dei mammiferi e quella dell’uomo. Quattro miliardi di anni di evoluzione raccontati da uno scienziato divulgatore in un libro scientificamente ineccepibile. rivelare sotto forma di storie.

Antonio Nirta
Antonio Nirta
Ciao, mi chiamo Antonio Nirta e sono un geologo. Mi sono laureato all'Università di Pisa e dal 2017 svolgo la libera professione. Attraverso i post presenti in questo blog cercherò di trasmettere la mia passione per le Scienze Geologiche e di fornire informazioni che riguardano il bellissimo settore della Geologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *