Le giaciture: come convertirle con uno script Python
Aprile 17, 2020
Il diamante e la grafite
Aprile 27, 2020
Show all

Il cratere di Chicxulub

Tutti sappiamo che l’estinzione dei dinosauri sia dovuta ad una meteorite caduta sulla Terra. Mah… sono mai stati trovate tracce del cratere formato da questa meteorite?

Secondo degli studi riconosciuti dalla comunità scientifica internazionale, il cratere si trova nella penisola dello Yucatan, Messico: più precisamente si tratta del cratere di Chicxulub (coordinate: 21°24′00″N 89°31′00″W).

penisola-yucatan
cratere-chixculub

Quando è stato scoperto il cratere di Chicxulub

Questo cratere, scoperto negli anni 90 del secolo scorso da Alan R. Hildebrand, ha un diametro di 180 Km e una pofondità di 20 Km.

anomalie-gravimetriche-chicxulub
Anomalie gravimetriche che segnano perfettamente il cratere di Chicxulub.

Il cratere è stato individuato grazie a delle analisi fatte su carote di perforazione estratte da una compagnia petrolifera e grazie a delle analisi gravimetriche.

Quando si è formato il cratere di Chicxulub

La meteorite, di 10 km di diametro, è caduta sul nostro pianeta circa 66MA fa (Limite K-T). All’epoca la Terra non appariva come ai giorni nostri: infatti i continenti non erano dove sono oggi ed erano abitati da specie viventi molto diverse da quelle odierne. L’impatto di questa meteorite ha provocato l’estinzione del 70% degli esseri viventi presenti all’epoca sul nostro pianeta.

Lo scenario dell’impatto

L’impatto fu talmente violento che i detriti furono “sparati” fin sullo spazio e sul resto del pianeta. Furono generati un terromoto apocatilittico e calore enorme, trasporato da un’onda d’urto impressionante.

Al fuoco seguì l’acqua. L’impatto dell’asteroide sulla crosta ha provocato giganteschi tsunami, testimoniati da numerose tracce nell’attuale costa Caraibica e ad est degli attuali USA. Inoltre i detriti che prima erano stati espulsi sono ricaduti sulla terra producendo impatti multipli sulla superficie terrestre.

Inoltre sotto l’oceano c’era uno strato calcareo-gessoso (solfato di calcio) il quale con l’impatto contribuì alla formazione di spesssime nubi di anidride solforosa che, oltre ad oscurare la luce del Sole, generarono piogge acide letali per la vegetazione e gli altri esseri viventi.

Il limite K-T

Una testimonianza evidente della caduta di questa meteorite è anche uno strato ricchissimo in iridio, che si trova in tutto il mondo. L’iridio è un elemento non comune sulla crosta terrestre perché, essendo un elemento siderofilo, si è accumulato nel nucleo terrestre durante le fasi di differenziazione del pianeta.

Questo strato che demarca il limite K-T, ovvero il passaggio dal Cretaceo al Terziario, è visibile in diversi punti del globo terrestre. In Italia, ad esempio, il limite è osservabile a Gubbio.

limite-kt-gubbio-chicxulub

La “spaccatura” che rappresenta lo strato K-T a Gubbio. Questo strato è stato scoperto da Alvarez negli anni 80 del 1900.
Sul lato destro dello strato ci sono le rocce più antiche che sono composte da carbonato di calcio originato dalla deposizione di microorganismi fossili. Sulla sinistra invece ci sono le rocce più giovani che sono composte da argilla. Le tracce di forme di vita si interrompono immediatamente con l’Evento K-T.

Approfondimenti

Per approfondire l’argomento trattato in questo post ti consiglio il seguente testo:

Antonio Nirta
Antonio Nirta
Ciao, mi chiamo Antonio Nirta e sono un geologo. Mi sono laureato all'Università di Pisa e dal 2017 svolgo la libera professione. Attraverso i post presenti in questo blog cercherò di trasmettere la mia passione per le Scienze Geologiche e di fornire informazioni che riguardano il bellissimo settore della Geologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *